Ministero per i beni e le attività culturali

Menu
Sei in: Home / Notizie / Mostre

Genova per Sanremo. Dischi, etichette e copertine del Festival dal 1957 al 1997

Il Forte Santa Tecla di Sanremo ospita la mostra “Genova per Sanremo. Dischi, etichette e copertine del Festival dal 1957 al 1997”, promossa dal Polo Museale della Liguria e dall’ICBSA – Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivi con la collaborazione di Rai Teche.

La mostra, che si inserisce all’interno delle attività “fuori Sanremo” di Rai Pubblicità, è un tributo alla cosiddetta “Scuola dei cantautori genovesi” e ripercorre il ruolo che musicisti, compositori e interpreti liguri hanno avuto al Festival di Sanremo, interpretando i cambiamenti non solo musicali, ma anche culturali, sociali e di costume di quegli anni.

“Nessun luogo è più indicato per ospitare questa mostra del Forte Santa Tecla”, afferma Elisabetta Piccioni, Direttore del Polo museale della Liguria, “una scelta che coniuga la valorizzazione della propria identità con la missione dei musei di essere anche momento di sintesi e stimolo assieme agli altri attori della società civile. Non dimentichiamo che la tradizione italiana è fatta soprattutto da una molteplicità di musei e aree archeologiche disseminati e questi sono stati riuniti in 17 Poli museali, uffici di coordinamento ed insieme propulsivi per la costruzione di una rete che coinvolga e armonizzi l’offerta culturale su base territoriale da qualunque soggetto privato o istituzionale espressa”.

Per Rossella Scunza – Direttore del Forte Santa Tecla di Sanremo – “l’idea della mostra, che mette in rilievo l’apporto dei musicisti genovesi al Festival di Sanremo nasce dall’esigenza di valorizzare il territorio ligure e il forte legame della musica cantautorale con il Festival e con la città di Sanremo”.

Partendo dagli appartenenti alla “Scuola dei cantautori genovesi, “abbiamo voluto allargare lo sguardo sugli interpreti, i parolieri e i musicisti meno noti al grande pubblico o dei quali si ignora la provenienza ligure ma che sono stati altrettanto importanti per i brani presentati al Festival”, conclude la Scunza.

Le registrazioni corrispondenti alle copertine presenti sui pannelli espositivi della mostra, insieme a tutto il patrimonio sonoro relativo ad oltre un secolo di canzone italiana, potranno essere ascoltate da tutti attraverso il portale della canzone www.canzoneitaliana.it , che sarà consultabile attraverso una postazione presente in Casa SIAE situata in piazza Colombo. “Il portale CANZONE ITALIANA è la testimonianza più completa del patrimonio musicale italiano e l’entusiastica adesione a questa mostra rafforza il grande impegno dell’ICBSA nella valorizzazione delle proprie raccolte”, afferma Sabina Magrini, Direttore ICBSA. L’ICBSA, erede della Discoteca di Stato fondata nel 1928, si qualifica oggi come la più grande collezione pubblica italiana del settore in grado di documentare la produzione fonografica e discografica dalla fine dell’800 ai nostri giorni.

La mostra sarà inoltre arricchita dal contributo di Rai Teche che ha messo a disposizione i video relativi ai brani oggetto della mostra, visibili a casa SIAE. Carla Consalvi, rappresentante di Rai Teche ha sottolineato che “Se conservare la memoria del nostro futuro è la missione di Rai Teche, la collaborazione a progetti culturali come questo ne rappresenta certamente una piena espressione. Quello della Rai con il Comune di Sanremo e con il Festival della Canzone Italiana è da sempre un sodalizio indissolubile e poter riproporre al pubblico, fuori dall’Ariston, le voci, i volti, le emozioni dei protagonisti liguri che hanno reso grande la canzone italiana non può che arricchire l’esperienza immersiva dell’evento musicale e di costume più atteso ed amato”.

Roberta Lucca Direttore Marketing e Commerciale Rai Pubblicità ha illustrato come questa mostra rappresenti un elemento importante del Santa Tecla, che da quest’anno rientra in un progetto più ampio, il “fuori Sanremo”, reso possibile dal fatto che Rai Pubblicità è diventata la concessionaria del comune durante la settimana del Festival per quanto riguarda le piazze attigue all’Ariston oltre al Forte Santa Tecla. Il Forte è il luogo dove Rai Pubblicità svolgerà le sue attività di PR con i suoi clienti e vedrà, tra l’altro, anche l’importante iniziativa di Rai Porte Aperte, a cura della Direzione Comunicazione Rai.

A questo proposito Fabrizio Casinelli, rappresentante della Direzione Comunicazione Rai ha sottolineato come anche quest’’anno il Forte rimarrà aperto al pubblico ed alle scuole con il progetto Rai Porte Aperte, pensato dalla Direzione Comunicazione Rai per accogliere gli studenti con uno spazio dedicato in cui bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie di Sanremo potranno provare a “fare radio e televisione”.