Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo

Menu
Sei in: Home / Risorse

Moduli, documenti, materiali informativi. Consultali e scaricali qui.

Come fare per

  • Biblioteca del Mac

    Il Museo Archeologico Nazionale di Chiavari offre un servizio al pubblico di prestito e consultazione di biblioteca specialistica ad argomento archeologico con un patrimonio di 3000 volumi.

    La biblioteca, nata nel 1981, contribuisce a diffondere volumi, informazioni e documenti relativi alla ricerca archeologica e discipline collegate, in particolare nei settori preistorico e protostorico, di ambito principalmente locale ma anche nazionale ed internazionale.

    A seguito di un accordo fra il Polo museale della Liguria e l’Istituto Internazionale di Studi Liguri  la biblioteca è arricchita da numerosi volumi e riviste scientifiche di proprietà della Sez. Tigullia dell’IISL.

    Attualmente è un importante punto di riferimento sul territorio per studiosi, ricercatori e operatori del settore.

    La biblioteca, grazie ad un accordo con Regione Liguria, aderisce al Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN) e offre al pubblico i servizi di consultazione e prestito locale; ad ogni utente possono essere prestate non più di 3opere per volta e la durata del prestito è di 30 giorni, prorogabili. I servizi di lettura e consultazione sono gratuiti.

    La biblioteca inoltre si rivolge anche al pubblico dei più piccoli con una vasta selezione di libri di argomento storico-archeologico per bambini e ragazzi.

    Come accedere ai servizi:

    Scarica il Modulo d’iscrizione alla Biblioteca del Museo Archeologico di Chiavari.

    Scarica il Modulo d’iscrizione per minorenni alla Biblioteca del Museo Archeologico di Chiavari.

    Il modulo è da compilare in tutte le sue parti. E’ possibile consegnarlo personalmente presso il Museo durante i normali orari di apertura dello stesso, oppure inviarlo per email a
    pm-lig.museochiavari.biblioteca@beniculturali.it.

    I servizi di prestito e consultazione possono essere richiesti da tutti gli iscritti, in qualsiasi momento durante gli orari di apertura del Museo, oppure via email all’indirizzo: pm-lig.museochiavari.biblioteca@beniculturali.it

    Per il prestito, in caso di assenza del personale addetto alla Biblioteca, le richieste saranno comunque prese in carico e soddisfatte nei giorni successivi, previo avviso telefonico o via email per il ritiro. La restituzione dei volumi può avvenire in qualsiasi momento durante gli orari di apertura del Museo.

    La consultazione in sede avverrà all’interno dell’aula didattica del Museo, appositamente riservata e allestita, previo appuntamento da concordare inoltrando la richiesta via email o personalmente durante gli orari di apertura del Museo.

    Per informazioni e contatti:

    Museo Archeologico Nazionale di Chiavari tel. 0185 320829

     pm-lig.museochiavari.biblioteca@beniculturali.it

  • Per iscriversi all’albo delle imprese, degli operatori economici e dei professionisti è necessario inviare istanza alla pec dell’istituto mbac-pm-lig@mailcert.beniculturali.it specificando la categoria di lavori o tipologia di prestazioni professionali per la quale si richiede l’iscrizione.

    Le istanze dovranno essere corredate da elenco delle certificazioni, e da adeguato curriculum vitae per i professionisti.

    Scarica il fac simile dell’istanza di iscrizione all’albo delle imprese e degli operatori economici o dei professionisti.

  • La concessione in uso dei beni dello Stato in consegna al Ministero per i Beni e le Attività Culturali è disciplinato dal Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio. L’uso del bene, valutato il tipo di evento che si intende realizzare, può essere soggetto a un canone; sono sempre richieste invece, a garanzia della tutela del bene, la stipula di una polizza assicurativa e di una polizza fideiussoria.
    Qualora la concessione in uso degli spazi comporti – perché svolta al di fuori dell’ordinario orario di apertura del sito o per la particolarità dell’evento – l’utilizzo di personale interno al Polo museale, è richiesta, nel rispetto degli accordi stipulati a livello di contrattazione nazionale, una polizza fideiussoria a garanzia del pagamento delle spettanze al personale che presterà attività in conto terzi.

    La richiesta deve essere inoltrata alla Direzione del Polo museale ligure, organo competente al rilascio dell’autorizzazione.

    Approfondimenti:

  • Per studiare un’opera conservata o esposta nei musei statali è necessario inoltrare la richiesta alla Direzione del Polo museale ligure. La Direzione, sentita la Soprintendenza competente, autorizzerà lo studio delle opere e dei materiali conservati nel museo.

     

  • Per uso personale, di studio e per la promozione del patrimonio culturale senza scopo di lucro, è possibile fotografare opere e beni culturali esposti nei musei statali senza l’utilizzo di flash, luci, selfie stick, treppiedi e altri supporti.
    Per gli stessi scopi, è concessa a titolo gratuito la riproduzione fotografica e/o la pubblicazione di immagini, salvo il rimborso di eventuali costi materiali sostenuti dal Polo museale o dal Museo per la riproduzione.

    Per altri usi, inclusi quelli commerciali, è necessario richiedere l’autorizzazione e verificare l’applicazione di un canone o corrispettivo fissato dal tariffario emesso dal Polo museale o dal Museo per effettuare riprese fotografiche o video e per la riproduzione fotografica e/o la pubblicazione di immagini del patrimonio culturale statale.

    Normativa di riferimento:

  • Per ricevere in prestito beni mobili appartenenti allo Stato o sottoposti a tutela statale per mostre ed esposizioni sul territorio nazionale o all’estero è necessario inviare la propria richiesta di autorizzazione al MiBACT almeno 4 mesi prima dell’inizio della manifestazione.

    L’autorizzazione viene rilasciata dai Direttori dei Poli museali regionali o dai Direttori degli Istituti dotati di autonomia speciale secondo procedure e modalità stabiliti con decreto ministeriale, e la Direzione generale Musei rilascia un parere in merito all’autorizzazione al prestito.

    È necessario distinguere il caso di beni afferenti ai Poli regionali da quello dei beni afferenti a un Museo dotato di autonomia speciale.

    L’autorizzazione per il prestito è in capo al Direttore del singolo Polo della Liguria (sentite, per i prestiti in Italia, le Soprintendenze competenti, per quelli all’estero, anche la Direzione generale Musei).

    Approfondimenti

  • Acquisti a trattativa privata

    Chiunque intenda offrire in vendita allo Stato cose di sua proprietà deve rivolgere domanda al Ministero, Direzione generale Musei, Servizio I, per il tramite dell’Istituto cui è rivolta l’offerta.

    La Direzione generale Musei adotta quindi provvedimenti sentiti i direttori  generali competenti per materia,  e  previo parere del competente Comitato tecnico-scientifico.

    Approfondimenti

    Donazioni

    Le donazioni sono i beni culturali che vengono offerti in dono al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per essere destinati alla fruizione dell’utenza. Il decreto di delega per la stipula del contratto viene emesso dal Direttore generale Musei, e suddetto contratto di acquisizione è esente dall’imposta di donazione.

    Approfondimenti

    Comodati

    L’istituto del comodato d’uso si applica a beni culturali di particolare pregio o che rappresentino significative integrazioni delle collezioni di opere già presenti nella medesima sede espositiva al fine di consentirne la fruizione pubblica.

    I beni in comodato devono essere protetti da idonea copertura assicurativa, e a essi la Direzione applica la procedura per quanto attiene la concessione della GOffrire in venditaaranzia di Stato.

    Sentiti i competenti organi consultivi, la Direzione generale Musei stabilisce criteri e linee guida per la ricezione in comodato o in deposito presso istituti e luoghi della cultura, di beni mobili di proprietà privata o appartenenti a enti pubblici. Fornisce inoltre, a richiesta, il necessario supporto tecnico-amministrativo per la predisposizione dei relativi atti.

    Approfondimenti

  • La Garanzia di Stato sostituisce l’assicurazione privata sui beni culturali dei quali sia stata autorizzata la partecipazione a mostre o esposizioni sul territorio nazionale o all’estero.

    Il suo rilascio “è subordinato all’assicurazione delle cose e dei beni da parte del richiedente, per il valore indicato nella domanda, previa verifica della sua congruità da parte del Ministero” (Codice dei beni culturali e del paesaggio, articolo 48, comma 4). Come spiegato nel comma successivo dello stesso Codice, la Direzione generale Musei, Servizio I, delibera l’assunzione in capo al Ministero dei rischi cui i beni sono esposti: “Per le mostre e le manifestazioni sul territorio nazionale promosse dal Ministero o, con la partecipazione statale, da enti o istituti pubblici, l’assicurazione prevista al comma 4 può essere sostituita dall’assunzione dei relativi rischi da parte dello Stato. La garanzia statale è rilasciata secondo le procedure, le modalità e alle condizioni stabilite con decreto ministeriale, sentito il Ministero dell’economia e delle finanze. Ai corrispondenti oneri si provvede mediante utilizzazione delle risorse disponibili nell’ambito del fondo di riserva per le spese obbligatorie e d’ordine istituito nello stato di previsione della spesa del Ministero dell’economia e delle finanze”.

    Approfondimenti

  • Ai fini dell’applicazione delle agevolazioni previste dalla normativa fiscale, gli organizzatori di mostre o esposizioni di beni culturali e di ogni altra iniziativa a carattere culturale possono richiedere al Direttore generale Musei (Servizio I) una dichiarazione di rilevante interesse culturale o scientifico per l’evento.

    Una volta interrogata la Direzione generale competente per materia, la dichiarazione viene rilasciata tramite decreto.

    Approfondimenti

Download

  • Pubblicazioni

    Linee guida per la comunicazione nei musei: segnaletica interna, didascalie e pannelli. Quaderni della valorizzazione NS1

    Scarica »
  • Documenti - Pubblicazioni

    Codice etico dell’ICOM per i Musei

    Scarica »
  • Documenti

    Linee guida per la costituzione e la valorizzazione dei parchi archeologici (DM 18 aprile 2012)

    Scarica »
  • Documenti

    Atto di indirizzo sui criteri tecnico-scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei (DM 10 maggio 2001)

    Scarica »