Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo

Menu
Sei in: Home / Eventi / Eventi

Albintimilium Theatrum fEst

Nasce nel 2021 il primo Albintimilium Theatrum fEst, Il festival, organizzato da Teatro Pubblico Ligure nell’ambito del progetto STAR – Sistema Teatri Antichi Romani, è sostenuto dal Comune di Ventimiglia, dalla Direzione regionale Musei Liguria, dall’Area archeologica di Nervia e dalla Regione Liguria.

Sei spettacoli sull’Odissea in scena al Teatro Romano di Ventimiglia dal 24 luglio all’11 agosto 2021 con Paolo Rossi, Giuseppe Cederna, Mario Incudine e Antonio Vasta, Moni Ovadia, David Riondino e Dario Vergassola, Amanda Sandrelli.

Ogni spettacolo inizia alle ore 21 ed è preceduto, alle ore 18.30, nella Chiesa di San Michele di Ventimiglia Alta o all’Area Archeologica con appuntamento presso la Domus del Cavalcavia, da VIA – Incontri e racconti Lungo la Via Iulia Augusta, antica via di comunicazione che attraversa Ventimiglia e collegava la Liguria con Roma.

Si comincia sabato 24 luglio al Teatro Romano di Ventimiglia con Paolo Rossi protagonista di La maga Circe (canto X). Rossi rilegge a suo modo uno dei personaggi più affascinanti dell’Odissea. Il dio Eolo ha dato a Odisseo l’otre che imprigiona i vènti contrari al ritorno ad Itaca. I compagni di Odisseo aprono l’otre, i vènti si scatenano e i marinai sono in balìa del mare per nove giorni. I giganti Lestrigoni massacrano parte dei compagni di Odisseo, indi finalmente giungono all’isola di Circe. La bella dea trasforma gli uomini in porci facendo loro scordare il ritorno. Odisseo riuscirà a liberare i suoi compagni ed a riprendere il viaggio. Paolo Rossi trova infiniti spunti da questo canto per chiosare ogni suo pensiero sulle donne di Omero e non solo. La sua lettura sa restituirci anfratti dell’Odissea che altrimenti rischiano di perdersi, fagocitati dall’insieme.

Si prosegue giovedì 29 luglio con Giuseppe Cederna e L’isola dei Feaci, che comprende i canti dal V al VIII dell’Odissea. Narra l’arrivo di Odisseo alla terra di Alcinoo, l’isola dei Feaci, dopo otto anni trascorsi nell’isola di Calipso. Nell’isola di Alcinoo avviene il “montaggio” dell’Odissea, in un gioco di rimbalzi e di specchi tra cantori: Omero in “oggettiva” canta il presente di Odisseo; Demodoco da un’altra prospettiva canta per gli ospiti del re Alcinoo e per Odisseo, non ancora rivelatosi, la storia del distruttore di Ilio, di Odisseo stesso. Odisseo è già mito. Odisseo si commuove e nasconde il volto col mantello. Qui, al banchetto di Alcinoo, Odisseo si fa cantore a sua volta e canta “in soggettiva” la sua versione, la sua Odissea. Ed è ancora qui che nasce il flash back, il primo flash back della letteratura occidentale. La narrazione non segue più il tempo che procede lineare in avanti ma un tempo che gira, torna indietro “con il rewind”, si avvolge creando cerchi in cui ogni episodio vive assoluto.

Prima dello spettacolo, alle 18.30, per il ciclo VIA – Incontri e racconti lungo la Via Julia Augusta, in area archeologica, ci sarà la visita guidata alla domus del Cavalcavia, gratuita per i possessori del biglietto allo spettacolo, dal titolo “Vivere, commerciare e ‘riposare’ lungo una via romana”. Prenotazioni in museo allo 0184-252320.

Mario Incudine e Antonio Vasta venerdì 30 luglio sono i protagonisti de Il Ciclope, canto IX di Odissea un racconto mediterraneo, che viene presentato in forma di concerto. È il primo “cunto” di Odisseo, il racconto con cui inizia la “versione di Odisseo”. Alla reggia di Alcinoo, Odisseo ascolta Demodoco il cantore, narrare della guerra di Troia e dei ritorni degli eroi sopravvissuti. Odisseo piange e si rivela ad Alcinoo. Omero dal racconto in “oggettiva” passa al racconto in “soggettiva”. Odisseo dipana per Alcinoo il filo delle sue avventure ed inizia con gli “effetti speciali”, con il ciclope Polifemo, certo di catturare l’attenzione del re e di ottenere da lui navi per tornare ad Itaca. Mario Incudine, artista di straordinario talento, attore, cantante, scrittore, affronta a suo modo questo “cunto”. Lo trasforma in un vero e proprio canto con musiche scritte appositamente da Antonio Vasta, con lui sul palco. Il Ciclope di Omero si contamina con la riscrittura di Pirandello e di Sbarbaro, entrambi “traduttori” del Ciclope di Euripide. Ed è interessante notare che Pirandello lo traduca a ridosso della prima guerra mondiale e Sbarbaro della seconda. Il Ciclope anche questo è: la forza bruta contro l’intelligenza, la violenza contro l’accoglienza. In forma di cunto siciliano prende vita il canto più noto dell’intera Odissea ambientato da Omero nell’Isola Trinacria. Cantato, suonato e recitato da due tra gli artisti più acclamati del panorama nazionale ed internazionale, con le radici nel cuore del Mediterraneo, la Sicilia. Progetto e regia di Sergio Maifredi.

Prima dello spettacolo appuntamento alle 18.30, per il ciclo VIA – Incontri e racconti lungo la Via Julia Augusta nei giardini dell’oratorio di San Giovanni, a Ventimiglia Alta, con le serenate del duo Incudine e Vasta, che si esibirà in teatro la stessa sera.

Sarà Moni Ovadia, venerdì 6 agosto, a portare La gara dell’arco fra le pietre del Teatro Romano di Ventimiglia. Il canto XXI racconta di Penelope che ha deciso di porre fine all’attesa: sarà sposa di chi, tra i Proci, saprà tendere l’arco di Odisseo. I pretendenti si preparano alla sfida; tra loro, sotto i dimessi stracci del medico, si cela Odisseo. Quando l’arco sarà nelle sue mani, Odisseo non esiterà a stoccare il dardo che trafiggerà la gola del più arrogante dei pretendenti. Le porte della reggia si serrano come le reti di una tonnara. La mattanza ha inizio. Moni Ovadia, in una lectio magistralis, ci farà riscoprire il rito civile della lettura ed i due grandi viaggi che segnano la civiltà occidentale, il viaggio di Odisseo e il viaggio di Abramo. Ovadia corre sulle onde dell’Odissea arrivando all’Itaca di quello straordinario poeta che è Kostantinos Kavafis.

Si prosegue lunedì 9 agosto con David Riondino e Dario Vergassola protagonisti de I patti di pace, canto XXIV di Odissea. Che il viaggio non sarebbe terminato con l’arrivo a Itaca, Odisseo lo sa bene da quando, nel regno dei morti, ha incontrato Tiresia, al nono canto. L’indovino cieco glielo ha predetto: dovrà, dopo la strage dei pretendenti, rimettersi in cammino, per terra questa volta, lontano dal mare, portando sulla spalla un remo, come una croce, come un’espiazione. La meta non avrà le coordinate precise che individuano Itaca sulle carte nautiche. Ma quando Odisseo sarà così lontano dal mare che, al suo passare, la gente scambierà il remo per un ventilabro allora sarà giunto alla fine delle sue fatiche. Potrà fare sacrifici agli Dèi e tornare in patria. Questo viaggio per terra è una seconda Odissea a cui Omero allude e che con molte probabilità è pure esistita in forma orale e scritta ma di cui le tracce si sono perdute. Riondino e Vergassola da lì partono, dai patti di pace, che chiudono i ventiquattro canti dell’Odissea che conosciamo e ci trasportano in un’altra Odissea tutta immaginata, enigmatica e misteriosa e forse mai scritta se non l’immaginario di ognuno di noi. Con ironia, intelligenza, irriverenza, com’è nel carattere di Riondino e Vergassola.

Il festival si chiude mercoledì 11 agosto con Amanda Sandrelli nei panni della Ninfa Calipso, canto V di Odissea. Calipso è colei che nasconde. È nella sua isola che Odisseo si trova ormai da sette anni quando Atena implora gli altri dèi di accorgersi di questo eroe che ancora non ha fatto ritorno a casa dopo la guerra di Troia. Calipso gli ha offerto l’immortalità e la sua bellezza eterna. Odisseo sa a cosa rinuncia ma non vuole smettere di essere uomo mortale. Calipso, piangendo, lo lascerà riprendere il suo viaggio. Amanda Sandrelli, con forza e dolcezza, dà vita ad una umanissima Calipso e sceglie di accostarla, per contrasto, ad una Clitemnestra contemporanea. Racconterà quindi di due abbandoni vissuti in modo diametralmente opposto. Racconterà di due donne che sono due volti della stessa Luna.

Tutti gli aggiornamenti saranno pubblicati sui siti web www.teatropubblicoligure.it e www.comune.ventimiglia.it

Biglietti: 15 euro- In vendita presso Ufficio IAT Lungo Roja Rossi (tel. 0184 198309 o 0184 351209).

Per informazioni Ufficio Manifestazioni teatro@comune.ventimiglia.im.it tel. 0184 6183225.

Per informazioni sull’area archeologica e le visite guidate drm-lig.albintimilium@beniculturali.it – tel 0184 252320